I-Ching

L’I Ching (detto anche libro dei mutamenti), è un’antichissimo testo cinese di migliaia di anni fa, che oggi viene usato soprattutto a scopo divinatorio.

Con il passare dei secoli, questo testo è divenuto uno dei più famosi e letti della letteratura mondiale: studiato approfonditamente da Confucio, è stato materia di ricerca di molti scienziati intellettuali come Jung e Italo Calvino, che li hanno più volte citati nelle loro opere e nei loro studi.

La struttura

L‘I-Ching è diviso in due parti, jing o ‘classico’ e zhuan o ‘commentario’, composti in epoche differenti ma tramandati da millenni come testo unico. La parte jing è composta da sessantaquattro unità, ognuna basata su un esagramma composto di sei linee che possono essere continue (⚊) o interrotte (⚋). Ogni esagramma ha un determinato significato

Gli esagrammi

Riportiamo di seguito la tabella degli esagrammi con in basso la legenda con il significato di ciascuno:

iching

La storia

La leggenda attribuisce la scrittura della porzione jing al saggio re Wen che regnò tra il 1099 e il 1050 a.C.) e a Zhou Gong vissuto sempre nelal stessa epoca.

La tradizione afferma anche che i princìpi dell’Yi Jing avessero avuto origine dal leggendario eroe Fu Hsi a cui sarebbero stati rivelati i dei primi trigrammi (composti solo da tre linee invece che da 6, in una visione soprannaturale. In seguito, nell’epoca di Yǔ il grande, dai trigrammi si svilupparono gli esagrammi che ancora oggi compongono il testo definitivo.

In uno dei più importanti commentari (la seconda parte) si dice “Il Libro dei Mutamenti è alla pari dei cieli e della terra e quindi è in grado di valutare perfettamente la via dei cieli e della terra”. L’I Ching è stato infatti spesso inteso come un microcosmo che comprende in sé la via dell’universo.

Uno dei concetti alla base dell’ I-Ching è la filosofia del “cambiamento”, secondo la quale non esiste una unica forma di cambiamento, ma molte.

Metodo di consultazione

Il sistema più tradizionale per arrivare ai responsi è basato sulla manipolazione di bastoncini di Achillea millefoglie o Achillea palustre, attraverso un preciso rituale.

Il sistema moderno invece prevede il lancio simultaneo di 3 monete per 6 volte di seguito. Ogni lancio determina, con particolari combinazioni tra le monete, se ci troviamo di fronte ad una linea continua o una linea spezzata. E la combinazione dei 6 lanci costituisce l’esagramma.

Servizio di Cartomanzia Telefonica offerto da Esperto SEO Srl - Via Antonio Baiamonti 4, 00195 Roma (RM) - C/F P.Iva 01512540558