Chiedi aiuto a una professionista:

899.54.55.55

Altre Mantiche

Oltre alle divinazioni precedentemente elencate, ci sono molte altre divinazioni che possono essere utilizzate per predire il futuro.

Alcune sono per lo più utilizzate in alcune aree del pianeta, ed altre hanno avuto maggiore fortuna in un determinato periodo storico rispetto alle altre.

Ecco quelle principali:

Altre Mantiche
899.54.55.55

Alettriomanzia

L'alettriomanzia era una pratica piuttosto diffusa nell'antica Grecia che aveva i galli come protagonisti. Infatti il termine deriva dal greco aléctror "gallo" e dal solito suffisso mantèia (indovino).

In questo rituale veniva disegnato sul terreno un ampio cerchio, sul cui bordo venivano create con l'utilizzo di chicchi di grano o altri cereali, le 24 lettere dell'alfabeto greco.L'indovino poneva una precisa domanda e subito dopo veniva liberato un gallo esattamente al centro del cerchio.

Il gallo iniziava in questo modo a "mangiare le lettere" e l'ordine in cui venivano mangiate costituiva un messaggio.

Se l'ordine non aveva alcun significato chiaro stava all'indovino interpretarlo.

Le lettere venivano immediatamente ricostruite in modo tale che esse potessero comparire più volte nel messaggio.

Aleuromanzia

L'aleuromanzia è la "divinazione con la farina" ed è stata praticata da molti popoli in modi diversi.

Deriva dal greco "ἄλευρον (áleuron)" che significa "farina di frumento".

Esistono diversi rituali per poter generare i responsi: possono essere inseriti dei fogli di carta con i responsi in un sacco di frumento e poi estratti a sorte, possono essere studiati i residui dopo aver versato la farina in un contenitore d'acqua come nella caffeomanzia, possono essere posti 12 chicchi di frumento sopra un ferro rovente interpretando la reazione al calore come una previsione per ogni mese dell'anno

Alomanzia

L'alomanzia era un'arte divinatoria basata in cui si interpretava il sale.

Il nome deriva dal greco ἅλς (háls, sale) e μαντεία (mantéia, indovino). Il termine fu poi riproposto anche in epoca latina attraverso il termine halomantia.

Il rituale di utilizzare il sale per la pratiche divinatorie era in uso in epoca pagana e fu raccontata anche da Omero, che definì "divino" il sale.

Il rituale poteva avvenire in diversi modi: spargendo il sale su una superficie piana e interpretando i simboli che in questo modo si creavano, gettando il sale nel fuoco e interpretando gli scoppiettii, oppure interpretando eventi casuali come saliere rovesciate, sale dimenticato, ecc ecc.

Antropomanzia

L'antropomanzia è l'arte divinatoria che cerca di predire il futuro ispezionando le viscere di esseri umana.

Molte antiche civiltà la praticavano, spesso compiendo dei sacrifici umani (spesso fanciulli), per poi ispezionarna le viscere.

Lo storico greco Erodoto per la prima volta, effettua un riferimento storico all'antropomanzia citando la storia del re Menelao che, di ritorno dalla guerra di Troia e bloccato in Egitto da venti sfavorevoli, sacrifica due fanciulli per ispezionarne le viscere e conoscere il proprio destino.

Apantomanzia

L'apantomanzia è un' arte divinatoria che si basa su animali che si incontrano casualmente nella vita quotidiana.

Nel Medioevo imbattersi per caso in una capra o in una lepre era considerato un ottimo presagio mentre, al contrario, trovarsi di fronte un pipistrello, un corvo o un asino era di cattivo auspicio.

Ancora oggi vige la superstizione in molte zone d'Europa che imbattersi in un gatto nero che attraversa la strada sia presagio di sfortuna.

Questo perché i Turchi erano soliti portare dei gatti neri nelle navi, affinché essi potessero nutrirsi dei ratti che si trovavano nella stiva.

Quando essi approdavano nei pressi di una città per saccheggiarla, i gatti erano i primi che scendevano a terra.

Vedere in giro un gatto nero divenne quindi un brutto segno in genera.

In Inghilterra invece vi è la credenza opposta per i gatti neri: essi sono visti come portafortuna

Astragalomanzia

L'astragalomanzia è un tipo di divinazione eseguita lanciando i dadi.

Il termine deriva delle parole greche astragalos, che indica il materiale di cui erano originariamente fatti i dadi, e manteia ("indovino").

Tale pratica fu molto diffusa nella penisola italia e sembra che l'imperatore Tiberio si recasse spesso presso le Terme di Abano, dove un sacerdote prevedeva il futuro attraverso di tre dadi d'oro.Il metodo più semplice comportava l'uso di tre dadi.

Ogni combinazione aveva un proprio significato: se uscivano tre 6 ci troviamo di fronte al cosiddetto "tiro di Venere" il che significava che tutti i desideri si avvereranno, se uscivano tre 1 (colpo del cane) invece significava che nulla si sarebbe avverato. Nel mezzo moltissimi colpi intermedi

Giromanzia

La Giromanzia era un'arte divinatoria che consisteva nel far camminare rapidamente un gruppo di persone intorno ad un cerchio su cui venivano posti dei simboli o delle lettere.

Dopo un po' di tempo le persone cadevano stordite in prossimità di un particolare simbolo o lettera.

L'insieme delle lettere coinvolte nel rituale teterminava un messaggio o un pronosticoIl termine è l'unione delle parole greche γῦρος (gŷros, "circolo") e μαντεία (mantéia, "divinazione").

Ultimo aggiornamento il alle